Notizie Israele oggi

ultime notizie da Israele in italiano

Ambasciata di Israele a Varsavia: «non possiamo rimanere in silenzio di un’ondata di attacchi antisemiti»

Venerdì, 2 febbraio, ambasciata di Israele a Varsavia, ha pubblicato una dichiarazione in lingua polacca, in cui si afferma: «non possiamo tacere sull’ondata antisemita gli attacchi contro di noi e personalmente contro l’ambasciatore Anna Azari». Su questo riferisce il quotidiano «Haaretz».

Secondo questa dichiarazione, si tratta di un antisemita interventi, per la maggior parte dei quali vale la televisione di stato della Polonia e i social network.

In un comunicato sottolinea che, se antisemita affondi prima passarono in successione, in fondo, polacco segmento di internet, ma di recente sono entrati e nei media.

In particolare, il direttore dello stato stazione televisiva TVP 2 Marcin Wolski ha detto in diretta che i campi di concentramento nazisti della morte dovrebbe essere chiamato ebrei, perché gli ebrei hanno lavorato nelle camere a gas. In precedenza antisemita dichiarazione lasciò nel suo mini-blog nella rete di Twitter, il famoso polacco esplora Rafal Земкевич.

Ricordiamo che nella notte di giovedì, 1 febbraio, il Senato (camera alta del parlamento), la Polonia ha adottato la legge sulla responsabilità penale per la propaganda dell’ideologia nazionalista ucraino, la negazione Volyn massacro e l’approvazione di complicità polacchi nazisti nel corso della Seconda guerra mondiale.

Si tratta di emendamenti alla legge sull’Istituto della memoria nazionale, secondo la quale, in particolare, l’uomo, in pubblico accusatore Polonia crimini commessi durante l’Olocausto, di favoreggiamento della Germania nazista, crimini di guerra o crimini contro l’umanità, può essere condannato a una pena detentiva di tre anni.

La legge vieta di utilizzare la frase «polacco campo della morte» per la descrizione dei campi di concentramento, esistenti sul territorio della Polonia occupata. Punizione saranno sottoposti e quelli che cercano di «consapevolmente sminuire la responsabilità veri responsabili di questi crimini».

Questa legge ha suscitato reazioni contrastanti in Israele. Nel giro di pochi giorni che hanno preceduto l’approvazione della legge Senato della Polonia, il suo contenuto è stato discusso israeliani e i polacchi, i politici.

1 febbraio, il ministro dei trasporti Yisrael Katz ha invitato il capo del governo e ministro degli esteri ministro Benjamin Netanyahu di disporre immediatamente di ritirare l’ambasciatore di Israele in Polonia Anna Azari per consultazioni.

Alla vigilia della polizia di Varsavia ha bloccato le strade intorno all’ambasciata di Israele, temendo antisemita discorsi. Questa decisione è stata presa dopo che, come è noto che alcune organizzazioni di estrema destra intenzione di organizzare un corteo all’ambasciata d’israele, sotto lo slogan «No антипольским discorsi».

— Discutere nella pagina di blog.libero.co.il a Facebook

Ambasciata di Israele a Varsavia: «non possiamo rimanere in silenzio di un’ondata di attacchi antisemiti» 03.02.2018

Опубликовать в Google Plus
Опубликовать в LiveJournal
Опубликовать в Одноклассники
Latest news from Israel in english © 2010-2015