Notizie Israele oggi

ultime notizie da Israele in italiano

Elezioni anticipate o un compromesso. I deputati commentano коалиционный crisi

Domenica, 4 marzo, la redazione di blog.libero.co.il chiesto ai deputati di vari partiti della coalizione, con la richiesta di commentare коалиционный crisi sullo sfondo di un ultimatum, esteso partito di «Яадут e Tora».

Ультраортодоксы richiedono l’approvazione della nuova legge sull’appello prima che sia adottato il bilancio per l’anno 2019.

Capitolo organizzativa della Knesset, il deputato Miki Zohar (Likud) ha dichiarato che, a suo parere, Israele non si trova sulla soglia delle elezioni anticipate.
«Ультарортодоксам dovrà capire che gravi problemi sono stati risolti attraverso il raggiungimento di accordi, e non выкручиванием mano e non l’imposizione di soluzioni, e attraverso la negoziazione e il raggiungimento di accordi», – ha detto il deputato Miki Zohar. Secondo lui, trattative tra la coalizione e ультраортодоксами continuano per tutto il tempo. «Il primo ministro continua a tentare di raggiungere un compromesso. Penso che capiscono la necessità di raggiungere un accordo, e non agire con la forza e la coercizione». Miki Zohar ha aggiunto che «Likud» non teme la possibilità di elezioni anticipate: «Negli ultimi giorni, tutto ruota intorno a delle elezioni anticipate. Non abbiamo paura di questa possibilità, poiché in tutti i sondaggi, solo noi усиливаемся a seguito delle elezioni anticipate».

La sera di sabato 3 marzo, un alto funzionario del governo ha detto che in questo momento è alta la probabilità di elezioni anticipate. «La probabilità di elezioni più alta rispetto alla probabilità di raggiungere un compromesso», ha detto la fonte.

Il capo della fazione «Кулану» Sciami Фолькман ha detto in un’intervista con un giornalista NEWSru.co.il, che il suo partito non è d’accordo al rinvio nell’approvazione del bilancio dello stato. «Dobbiamo rispettare gli accordi raggiunti. Il governo ha approvato il bilancio, c’è accordo sul fatto che in questo bilancio non ci saranno modifiche, e che la Knesset approva la sua fino al termine della sessione invernale della Knesset. Se come base di un accordo sono sacrificati секторальному ricatto, allora come si può parlare di normale lavoro del governo?» – disse Roi Фолькман. Il deputato ha rifiutato di rispondere alla domanda su come sarà esattamente il suo partito nel caso in cui il 15 marzo, il giorno della fine della sessione invernale della Knesset, il bilancio non sarà approvato. «Siamo fermamente dichiarato che in questo caso, smettere di essere membri della coalizione», – ha detto Фолькман. Ha accusato «Likud» in unresponsible approccio alla soluzione del problema della legge sulla appello: «Più di sei mesi fa abbiamo parlato ministri del «Likud», che è necessario cercare una soluzione, è necessario condurre un lavoro serio, ma questo non è stato fatto. E ora il primo ministro può risolvere la crisi, ma non vedo troppo attivi di passaggi da parte di «Likud». Al momento la probabilità di elezioni è molto alto».

Il capo della fazione «Яадут e Tora» Uri Маклеб ha sottolineato che non è possibile rimandare l’approvazione della legge sull’appello, in quanto, secondo lui, sulla soglia è БАГАЦ, che richiedeva di approvare il nuovo progetto di legge entro e non oltre settembre 2018. Allo stesso tempo, dice il deputato, il bilancio può essere approvato entro il 31 dicembre 2018. Il deputato del «Яадут e Tora», ha sottolineato che egli è consapevole della possibilità di guadagno Яира Lapid in caso di elezioni. «Non abbiamo produzione dei voti in «Ликуде». Guadagno Яира Lapid nei sondaggi si è verificato a causa di indagini contro il primo ministro, e non a causa nostra lotta per i valori dello shabbat o per un progetto di legge», – ha detto Маклеб. Egli ha aggiunto che al momento non possiamo dire con certezza, esattamente come finirà l’attuale crisi politica. «I negoziati sono in corso per tutto il tempo, ma non sappiamo e non possiamo sapere che essi saranno pronti», ha detto.

In precedenza ультраортодоксальная il giornale «E-Модиа» ha pubblicato una dichiarazione del vice ministro della salute Akov Лицмана, повторившего, che non ha intenzione di votare per il progetto di bilancio finché non sarà approvato il progetto di legge. Secondo la dichiarazione di Лицмана, è una decisione loro sulla base di ordini ricevuti dal Consiglio esperti della Torah.

Editoriale del giornale «E-Модиа», sostenendo il partito «Агудат Israele», che, insieme con «Degel e Tora» genera un blocco di «Яадут e Tora», parla anche della necessità di perseguire l’adozione della legge sull’invito anche a costo di un eventuale crollo della coalizione e delle elezioni anticipate. «Sappiamo bene che l’attuale governo – uno dei migliori per ультраортодоксального gli ebrei. Ma la domanda di risoluzione i problemi di appello – questo è uno dei problemi più grandi che ci ha costantemente classificato. E se a causa di questo problema qualcuno porterà al collasso del governo, e se a causa di questo, ci avrebbe causato danni, dobbiamo ricordare che il mondo della Torah più importante di vantaggi politici». In un editoriale afferma che c’è «pericolo» l’avvento al potere Яира Lapid, ma la lotta per il progetto di legge giustifica tale rischio.

Il deputato della Knesset Oded Forer («la Nostra casa di Israele») pose la parte di responsabilità per la crisi del ministro del turismo Ярива Levin (Likud), che ha coordinato il lavoro della commissione, creata più di sei mesi fa per la produzione accettabile per tutti coalizione frazioni di revisione della legge sulla coscrizione. «Questa commissione si è riunita una sola volta, parlato, haredi hanno detto che hanno bisogno di riflettere sentito, e da allora pensano», — ha detto Forer. Egli ha aggiunto che nelle ultime settimane lavora professionale la commissione, istituita dal ministro della difesa Avigdor Lieberman. «Questa è una commissione che sta preparando un disegno di legge, prende in considerazione tutti gli aspetti legati all’appello. E qui ультраортодоксы mettono sul tavolo il disegno di legge e richiedono l’immediata approvazione, minacciano di non votare il bilancio. Questo si chiama ricatto, e non abbiamo intenzione di cedere lui», ha aggiunto il deputato Forer. Egli ha aggiunto che la posizione del partito «Кулану» rimane poco chiaro. «Essi richiedono l’approvazione del bilancio, ma da nessuna parte e mai parlato di quello che si oppongono della legge sulla coscrizione. Temo che in una coalizione cercheranno di, basandosi sui voti del partito «Кулану», di far passare la legge sull’appello e di bilancio. «Faremo del nostro meglio per questo progetto di legge non è stato», – ha detto il deputato Forer.

— Discutere nella pagina di blog.libero.co.il a Facebook

Elezioni anticipate o un compromesso. I deputati commentano коалиционный crisi 04.03.2018

Опубликовать в Google Plus
Опубликовать в LiveJournal
Опубликовать в Одноклассники
Latest news from Israel in english © 2010-2015