Notizie Israele oggi

ultime notizie da Israele in italiano

IDF: al confine con Gaza uccisi non meno di dieci terroristi

La sera di sabato 31 marzo, è stata pubblicata l’informazione, secondo cui 10 di 16 durante gli scontri con i soldati Israeliani al confine con Gaza, in passato hanno partecipato a imboscate e attentati terroristici contro gli israeliani. Queste informazioni sono stati pubblicati i risultati di un’indagine condotta dall’esercito e Generale del servizio di sicurezza (GSS).

Durante gli scontri sono stati uccisi:

1. 23-year-old Масаб Салул, residente a El Звейде, attivista di combattimento di HAMAS. In passato, insieme a un altro militante commesso un attentato con armi da fuoco contro i soldati Israeliani nel nord della striscia Gaza.

2. Sari Abu Ude, 28 anni, residente a Beit Ханун, attivista di combattimento di HAMAS nella zona di sua residenza.

3. Jihad Farina, 35 anni, residente del quartiere di Sheikh Радуан a Gaza, il comandante della compagnia di combattimento di HAMAS.

4. Ahmad Ude, 19 anni, residente a Gas, attivista del battaglione «Gruppo» in combattimento ala di HAMAS.

5. Abu hamdan Амаша, 25 anni, residente a Beit Ханун, attivista di HAMAS.

6. Mahmoud Rahmi, 33 anni, residente a Саджаийе, attivista di HAMAS.

7. Mahmoud Abu Amr, 27 anni, residente a Саджаийе, attivista di combattimento di HAMAS, che ha partecipato a preparare i tunnel del terrore.

8. E-Fattah e-Nabi, 28 anni, residente a Beit Лахийя, attivista di combattimento di HAMAS.

9. Ибраим Abu Шаэр, 29 anni, residente a Rafah, attivista di «Patrimonio della jihad».

10. Jihad Zaire Salman Abu Гамус, 30 anni, residente a Bagni Суайла, attivista di «Battaglioni dei martiri di Al-Aksy».

In precedenza l’ufficio stampa dell’Idf ha pubblicato un video in cui sono impresse un paio di incidenti, avvenuti il giorno prima, durante la «marcia del milione» sul confine di Gaza.

In particolare, in queste immagini è possibile vedere come gli istigatori dei disordini serie di tiro e scagliano le pietre in soldati dell’Esercito di difesa di Israele. Inoltre è ben visibile il tentativo di partecipanti al concorso di incendiare la recinzione di sicurezza.

Macchina fotografica ha immortalato e un tentativo di attacco terroristico contro i soldati Israeliani, quando due terroristi armati avvicinavano alla recinzione di separazione e hanno aperto il fuoco sui soldati israeliani. Le forze dell’Idf hanno risposto tiro. Anche in direzione dei terroristi è stato rilasciato panzer proiettile.

Come sottolinea l’ufficio stampa dell’Idf, l’incidente è diventato un’altra prova che HAMAS usa le manifestazioni di massa come copertura per l’attuazione di attentati.

Il primo giorno della «marcia del milione» a Gaza

Venerdì, 30 marzo, HAMAS ha organizzato sul confine di Gaza «marcia del milione» («la marcia di ritorno»). HAMAS ha dichiarato la spesa di 10 milioni di dollari per l’organizzazione di questa promozione. Per la valutazione dell’Idf, in una protesta di massa, al cui scopo è stata svolta bordo, hanno partecipato circa 30 mila persone. I militari sono stati costretti a usare la forza. Il ministero della salute di Gaza riferisce di 15 morti (la sera è stato segnalato su 16) e circa 1.500 feriti.

È stato riferito di sei principali focolai di disordini, dove «attivisti» bruciato pneumatici e lanciato pietre verso i militari. Istigatori dei disordini sono stati fatti tentativi di causare danni recinzione di sicurezza, tra cui il taglio recinzione. Tuttavia, i soldati hanno stroncato questi tentativi, aprendo il fuoco.

Nel pomeriggio è stato impedito un attacco terroristico su soldati dell’Esercito di difesa di Israele. Due terroristi armati avvicinavano alla recinzione di separazione e hanno aperto il fuoco sui soldati israeliani. Le forze dell’Idf hanno risposto tiro. Anche in direzione dei terroristi è stato rilasciato panzer proiettile. A seguito di un incidente vittime tra gli israeliani non c’era. I MEDIA palestinesi hanno riferito che, a seguito di attività soldati israeliani sono stati uccisi due palestinesi.

Inoltre, i partecipanti disordini, utilizzando come copertura una grande manifestazione, un paio di volte ha cercato di gettare le bombe vicino alla recinzione di sicurezza.

L’IDF è stato pronto a diversi scenari, tra cui a frenare la provocazione con l’uso di armi e a respingere i tentativi di penetrazione sul territorio israeliano militanti armati – in violazione dell’integrità recinzione di confine o attraverso i tunnel sotterranei.

Ovviamente, la situazione è molto tesa nelle prossime settimane, fino al 19 aprile, quando sarà celebrato il 70 ° anniversario della proclamazione dello stato di Israele (Giorno dell’indipendenza), e gli arabi palestinesi celebrerà il «Giorno della Nakba» (giorno del disastro). Si prevede che proprio nel Giorno dell’indipendenza sarà annunciato l’apertura dell’ambasciata degli stati UNITI a Gerusalemme, che, ovviamente, provocare una nuova ondata di arabi proteste.

A partire dalla mezzanotte del 29 marzo, durante la festa di Pesach, messo in modalità di isolamento arabi dei territori di Giudea e Samaria. Chiusi CHECKPOINT al confine tra Israele e il settore Gas. Modalità di isolamento sarà girato a mezzanotte del 7 aprile. In questo periodo l’ingresso sul territorio di Israele sarà risolta solo in casi umanitari con il consenso dei rappresentanti del coordinatore dell’azione di governo in Giudea, Samaria e Gaza.

— Discutere nella pagina di blog.libero.co.il a Facebook

IDF: al confine con Gaza uccisi non meno di dieci terroristi 01.04.2018

Опубликовать в Google Plus
Опубликовать в LiveJournal
Опубликовать в Одноклассники
Latest news from Israel in english © 2010-2015