Notizie Israele oggi

ultime notizie da Israele in italiano

Il discorso di Donald Trump a sessione dell’assemblea generale delle nazioni unite: «l’America – prima di tutto»

Il presidente degli stati UNITI, Donald Trump per la prima volta ha parlato dal podio dell’assemblea Generale delle nazioni unite e ha detto al pubblico la sua visione della politica estera americana, basata sul principio «l’America prima di tutto», e sottolineando il suo impegno nei confronti del mondo e la prosperità di altri paesi del pianeta.

Trump è arrivato al 72 sessione dell’assemblea generale dell’ONU, che si estende in questi giorni a New York, accompagnato da sua moglie Меланьи e ambasciatore degli stati UNITI presso le nazioni unite Nikki Haley. In precedenza il quotidiano The Wall Street Journal ha osservato che per Trump primo discorso alle nazioni unite è «una grande opportunità di dimostrare la leadership degli stati UNITI nel mondo e напонмить sui valori del suo paese».

«Come presidente degli Stati Uniti, io principalmente mi occupo di benessere in America, e così dovrebbe fare lo stesso leader di altri paesi», ha detto Trump.

All’inizio del discorso ha elencato impressionanti progressi degli stati UNITI nel campo della politica, dell’economia e della scienza, e quindi esposto le sue idee sui più importanti problemi del mondo.

Trump ha invitato i paesi, in entrata e in questo la struttura internazionale, aumentare la pressione sulla Corea del Nord con lo scopo di costringerla a rinunciare alle armi nucleari, definendo la politica di questo paese emarginato «destabilizzante, ostile e minaccioso».

«Non mi hanno lasciato altra scelta, ma per distruggere completamente la Corea del Nord, se non cesseranno le loro provocazioni. Questa modalità distrugge se stesso», ha detto Trump.

«I terroristi e gli estremisti stanno guadagnando forza e si diffondono in tutto il pianeta. Viene modalità minacciano gli altri popoli e ai propri cittadini più devastante arma, famoso per l’umanità», ha continuato il presidente degli stati UNITI, che ha confermato il suo impegno a essere «un grande amico» per il resto del mondo e i suoi alleati.

Trump ha parlato al programma nucleare dell’Iran, affermando che Teheran deve porre fine al sostegno di terrore e di rispettare i diritti dei propri cittadini.

«Il governo iraniano chiede di distruggere l’America e cancellare Israele dalla faccia della terra. Si traveste corrotta dittatura falso aspetto di democrazia e trasformato ricca in precedenza, il paese economicamente vuotato di uno stato-canaglia, consente di esportare la violenza, spargimento di sangue e caos. Invece di utilizzare le proprie risorse per migliorare la vita degli iraniani, le autorità del paese spendono i soldi ottenuti dalla vendita di petrolio, per il finanziamento di «Hezbollah» e gli attacchi sui civili vicini arabi e israeliani», ha affermato il Trump.

Il presidente degli stati UNITI ancora una volta ha fortemente criticato l’accordo nucleare, chiusa l’Iran e i paesi Occidentali nel mese di luglio 2015, chiamandola «il peggior contratto nella storia e la vergogna degli Stati Uniti».

Poche parole è stato dato modo di Venezuela e dittatore Maduro, che «condanna brave persone in sofferenza e la fame». Tuttavia, le parole di Trump, che dichiara «il problema è che in questo paese è stato in buona fede realizzato il socialismo», non ha ricevuto l’approvazione da parte dei presenti.

Criticato è stato e la stessa ONU, che, secondo lui, «potrebbe diventare molto più responsabile ed efficace difensore della dignità umana e della libertà in tutto il mondo».

«La nostra speranza – questo è il mondo fieri, indipendenti popoli, che svolgono il loro impegno, l’amicizia con i vicini, li rispettano e non risparmiare alcuno sforzo per creare il futuro di questa terra meravigliosa. La missione delle nazioni unite e il suo messaggio al mondo è quello che noi combatteremo insieme per la pace, la libertà e la giustizia per tutta l’umanità», così le parole Trump ha concluso il suo discorso.

Si noti che, parlando del mondo in tutto il mondo, Trump non ha menzionato separatamente su israelo-palestinese conflitto.

Il capo del governo israeliano, Benjamin Netanyahu, partecipa al lavoro 72 ° sessione dell’assemblea generale delle nazioni unite a New York, nel suo blog, su Facebook, ha commentato il discorso del presidente degli stati UNITI Donald Trump. «Per 30 anni, durante i quali ho familiarità con le nazioni unite, non ho sentito più chiara e coraggiosa discorso. Il presidente Trump ha detto la verità sui pericoli che minacciano il mondo, e ha invitato tutte le forze di resistere per il futuro dell’umanità», ha scritto Netanyahu.

Il discorso del primo ministro Israeliano Benjamin Netanyahu alle nazioni unite prevista per le 20:30 ora di israele.

Il discorso di Donald Trump a sessione dell’assemblea generale delle nazioni unite: «l’America – prima di tutto» 19.09.2017

Опубликовать в Google Plus
Опубликовать в LiveJournal
Опубликовать в Одноклассники
Latest news from Israel in english © 2010-2015