Notizie Israele oggi

ultime notizie da Israele in italiano

L’aggravamento della situazione al confine con la Siria. Rassegna stampa di tel aviv. Domenica, 11 febbraio

Al centro dell’attenzione di MEDIA israeliani domenica, 11 febbraio, l’aggravamento della situazione sul conflitto israelo-siriano del confine.

«Yedioth Ahronoth»: Risultato, il prezzo e la lezione

«Haaretz»: Il «2000» non penale? L’accordo con Netanyahu avrebbe portato Noni Moses centinaia di milioni di shekel

«Yisrael e-Yom»: i Palestinesi non sono interessati a raggiungere la pace

«Maariv e-Шавуа»: la Russia continua a sostenere Assad: è importante mantenere la sovranità della Siria

«Макор Rishon»: i Ribelli soddisfatti, Teheran grato Obama: Israele si unisce alla guerra in Siria?

«Yedioth Ahronoth»: Risultato, il prezzo e la lezione

Il corrispondente di «Yedioth Ahronoth» Yossi Йегошуа scrive sull’incidente al confine con la Siria, iniziato con il fatto che sul territorio di Israele incinta UAV. In risposta a questo, l’AVIAZIONE israeliana hanno bombardato l’iran oggetti in Siria, dopo di che i siriani hanno sparato un razzo, che si trova in israele aereo F-16, fermo. I piloti hanno dovuto espellere.

Secondo l’autore materiale, questo incidente è stato sonda prossima guerra nel nord. Per prevenire o almeno ritardare il suo inizio, è necessario rafforzare israeliana sistema di contenimento e di lavorare per noi sono stati considerati per risolvere la situazione in Siria.

«Haaretz»: Il «2000» non penale? L’accordo con Netanyahu avrebbe portato Noni Moses centinaia di milioni di shekel

Corrispondenti «Haaretz» Nachi Тукер scrive che alla vigilia della pubblicazione delle raccomandazioni della polizia sul caso «2000» sono stati quelli che sostengono che nei colloqui tra il capo del governo di Benjamin Netanyahu e l’editore del quotidiano «Yedioth Ahronoth» Noni Moses non è stato penale aspetti.

Nel frattempo verifica TheMarker ha dimostrato che, se l’accordo tra di loro è stato fatto, lei avrebbe portato editore «Yedioth Ahronoth» centinaia di milioni di shekel.

«Yisrael e-Yom»: i Palestinesi non sono interessati a raggiungere la pace

«Yisrael e-Yom» pubblica il testo integrale dell’intervista con il presidente degli stati UNITI Donald Trump, che ha dato 8 febbraio redattore edizione Боазу Бисмуту. Trump ha parlato del riconoscimento di Gerusalemme come capitale di Israele, negoziati di pace con i palestinesi e accordo nucleare con l’Iran.

«In verità, io non so se abbiamo i negoziati di pace. Attualmente i palestinesi non sono interessati a raggiungere la pace, non gli interessa. Per quanto riguarda Israele, anche io non sono sicuro del tutto, che è ora interessato a condurre i colloqui di pace. Aspettiamo e vediamo», ha detto Trump.

Un accordo nucleare con l’Iran, il presidente degli stati UNITI ha definito «disastroso per Israele». «Tutto questo è semplicemente non rientra nella mia testa. È terribile l’accordo per molti lati, ma soprattutto – per la parte israeliana», — ha detto Trump.

«Maariv e-Шавуа»: la Russia continua a sostenere Assad: è importante mantenere la sovranità della Siria

Il corrispondente di «Maariv e-Шавуа» Yaser Укаби scrive che sabato, 10 febbraio, il ministero degli esteri Russo ha rilasciato una dichiarazione con la chiamata di smettere di opposizione a nord e a rispettare la sovranità degli stati della regione con l’accento sulla Siria.

In un comunicato è stato detto che «Mosca è molto preoccupato per i recenti sviluppi e gli attacchi in Siria. «Il pericolo di continuare l’escalation nelle aree de-escalation, che hanno contribuito a ridurre il numero delle vittime in Siria, si tratta di un evidente motivo di preoccupazione», ha dichiarato il ministero degli esteri della federazione RUSSA.

«Макор Rishon»: i Ribelli soddisfatti, Teheran grato Obama: Israele si unisce alla guerra in Siria?

Il corrispondente di «Макор Rishon» di Asaf Гибор scrive che, dal punto di vista dell’opposizione siriana, il recente incidente al confine con Israele, è un evento positivo. Nei social network esprimono soddisfazione per il fatto che Israele è entrato in guerra. I ribelli considerano gli iraniani e «Hezbollah» colpevoli di crimini contro il popolo siriano.

L’autore osserva inoltre che l’accumulo di potenza militare dell’Iran in Siria, insieme con il rafforzamento di «Hezbollah» rappresenta una grave minaccia per Israele. Secondo le stime, la prossima la guerra del nord è molto più grave.

L’aggravamento della situazione al confine con la Siria. Rassegna stampa di tel aviv. Domenica, 11 febbraio

11.02.2018

Опубликовать в Google Plus
Опубликовать в LiveJournal
Опубликовать в Одноклассники
Latest news from Israel in english © 2010-2015