Notizie Israele oggi

ultime notizie da Israele in italiano

Patrushev in Israele ha discusso la sicurezza di COPPA del mondo di calcio e si è incontrato con Abbas

Dal 31 gennaio al 1 febbraio in Israele e l’autorità Palestinese si è recata con una visita una delegazione di russi forze di sicurezza e diplomatici guidato dal segretario del Consiglio di sicurezza RUSSO Nikolai Патрушевым.

Inizialmente dichiarato che questa delegazione arriva a Gerusalemme per la consultazione in materia di sicurezza. Nella delegazione erano il vice ministro degli esteri Russo, Mikhail Bogdanov, il vice ministro della difesa, il vice ministro della giustizia, alti ufficiali dell’esercito russo e dei servizi segreti. L’composizione della delegazione non è stato pubblicato fonti ufficiali. Il ministero degli esteri e il ministero della difesa della federazione RUSSA non hanno dato alcuna informazione su questa visita. A partire dalla sera del 1 ° febbraio, non ci sono informazioni sul sito ufficiale SAT della federazione RUSSA, anche se la recente visita Patrushev in Algeria questo ufficio dettagliatamente riportato.

Ufficio del capo del governo di Israele ha confermato il fatto visita, ma i dettagli non ha. Il ministero della difesa e degli esteri di Israele, inoltre, non ha dato alcun commento.

Dopo i colloqui in Israele Patrushev ha visitato Ramallah, dove ha incontrato il presidente dell’autorità palestinese Mahmoud Abbas.

Su twitter il 10 ° israeliana canale (14 ° tasto) ha pubblicato un curioso informazioni sul fatto che, tra le altre cose, i russi hanno discusso con i colleghi israeliani, le questioni relative alla sicurezza del campionato del mondo di calcio, che si terrà in Russia dal 14 giugno al 15 luglio 2018. Ma è evidente che questo tema non è stato principale.

La struttura ospitante è stato l’ufficio del capo del Consiglio di sicurezza nazionale di Israele Meir Ben Shabbat, che si è incontrato con Патрушевым a Mosca nel mese di ottobre 2017, poco dopo la visita in Israele del ministro della difesa della federazione RUSSA, Sergei Shoigu. L’attuale visita Patrushev a Gerusalemme ha avuto luogo dopo le prossime colloqui a Mosca tra il presidente della federazione RUSSA Vladimir Putin e il primo ministro Israeliano Benjamin Netanyahu.

La visita a Gerusalemme sono stati necessari per una dettagliata discussione delle questioni sollevate sulla trattativa Putin e Netanyahu. Si trattava, in particolare, sulla costruzione di un Iran basi militari in Siria e impianti per la produzione di missili in Libano. A quanto pare, mentre questi iraniani progetti sono in fase iniziale di realizzazione, ma Israele è estremamente preoccupato per l’espansione militare dell’Iran nella regione e avverte che l’IDF può agire con l’obiettivo di distruzione di guerra iraniane interesse circa i suoi confini.

Dopo la visita a Mosca Netanyahu ha scritto in Facebook: «Ho dato capire (Putin), che Israele non accetta nessuno di questi tentativi e agire, se necessario». Egli ha anche detto ai giornalisti dopo la visita a Mosca, che la leadership russa capisce la posizione di Israele in materia e, per quanto seriamente gli israeliani si riferiscono a tali minacce.

La società ImageSat International ha pubblicato nel mese di settembre 2017 immagini satellitari, secondo cui uno dei militari iraniani impianti in costruzione in Siria a ovest della rilevanza del movimento ismailita siriano, nelle vicinanze del luogo di dislocazione russo complesso di difesa aerea s-400. Ma nel mese di gennaio 2018 il ministro della difesa RUSSO Sergei Shoigu ha detto che i due russi s-400 coprire solo oggetti russi base navale a Tartus e base aerea in Хмеймиме.

Ricordiamo che una settimana fa il rappresentante permanente di Israele alle nazioni unite di danny Danon, alla riunione del Consiglio di sicurezza, ha svelato le informazioni dei servizi segreti israeliani, che testimoniano il tentativo dell’Iran di trasformare la Siria in «la più grande base militare del mondo». Egli ha detto: «Oggi in Siria sono 82 mila combattenti, riportando l’Iran, di cui 3 di migliaia di membri del Corpo dei guardiani della rivoluzione Islamica, 9 migliaia di militanti di «Hezbollah», 10 mila membri sciiti милиций, рекрутированных in tutta la regione, e anche di 60 mila locali combattenti siriani». Secondo l’ambasciatore di Israele, l’Iran sta costruendo la base per il posizionamento di questi militanti, ma anche impianti per la produzione di missili, trasformando la popolazione locale intorno alle piante in scudi umani. Danone ha ricordato che, con la firma di un «accordo nucleare» nel 2015 l’Iran solo aumenta le spese militari. Se nel 2014 l’esercito e le armi copriva il 17% del PIL, che nel 2017 il tasso è stato pari al 22%. Danny Danon ha detto che nella guerra civile in Siria Israele non supporta nessuna delle parti, ma farà tutto il necessario, per proteggere se stessi.

In precedenza il capo del governo israeliano Benjamin Netanyahu al World economic forum di Davos, ha parlato di «nucleare accordo» con l’Iran: «credo che l’attuale accordo erroneamente, perché permetterà all’Iran di avere tutto il necessario per la produzione di armi nucleari, tra cui la possibilità di arricchire il materiale fissile in grandi quantità. Oggi possono, nel migliore dei casi, di arricchire l’uranio per costruire una bomba. Per convenzione, nella sua attuale formulazione, essi saranno in grado di arricchire l’uranio a cento, duecento bombe». Netanyahu ha sottolineato che non è in linea di principio – se il contratto viene annullato o risolto, la cosa principale – per impedire all’Iran di ottenere armi nucleari.

30 gennaio, il presidente degli stati UNITI, Donald Trump, parlando con il discorso «Sulla situazione del paese» (State of the Union), ha chiesto al Congresso di studiare «fondamentali difetti terrificante accordo nucleare con l’Iran».

I MEDIA israeliani hanno scritto che a Mosca Netanyahu, tra le altre cose, ha parlato con Putin sulle conseguenze «nucleare del contratto» con l’Iran e la possibilità di modifiche o cancellazioni.

L’incontro Nikolai Patrushev e Mahmoud Abbas

Come riferiscono le agenzie di WAFA e RIA novosti, il 1 ° febbraio «Мукате», la residenza del presidente ANP a Ramallah, ha avuto luogo l’incontro Patrushev e Abbas, durante il quale si discuteva di una soluzione politica del conflitto israelo-palestinese.

Alla riunione hanno partecipato il vice ministro degli esteri RUSSO, Mikhail Bogdanov, il segretario generale dell’OLP Saeb Арикат, il presidente palestinese intelligenza Majid Faraj, rappresentante dell’anpi Nabil Abu Рудейна e consigliere del capo dell’anpi di diplomazia Majdi al-Халиди.

Abbas nel corso della riunione ha detto Patrushev sugli ultimi sviluppi della politica di insediamento e ha sottolineato il ruolo della federazione RUSSA, che ha «un notevole peso sulla scena internazionale e nel quadro del medio oriente del quartetto, che si può estendere per questo meccanismo ha continuato il suo lavoro in modo trasparente ed equo», si legge nei messaggi agenzie.

Nikolai Patrushev ha consegnato Mahmoud Abbas, che il presidente della federazione RUSSA, Vladimir Putin, in attesa di un incontro con lui a Sochi il 12 febbraio.

— Discutere nella pagina di blog.libero.co.il a Facebook

Patrushev in Israele ha discusso la sicurezza di COPPA del mondo di calcio e si è incontrato con Abbas 01.02.2018

Опубликовать в Google Plus
Опубликовать в LiveJournal
Опубликовать в Одноклассники
Latest news from Israel in english © 2010-2015